Il tapis roulant per corse in salita

Molti corridori considerano il tapis roulant come l’ultima risorsa, una macchina da usare solo quando il tempo selvaggio li costringe ad abbandonare i loro percorsi normali. Tuttavia il tapis roulant è tutt’altro che un premio di consolazione. Ci sono molti allenamenti e benefici che i corridori possono ottenere solo correndo al chiuso.

Correre in salita

 

I corridori a volte hanno difficoltà a trovare una collina ripida per gli sprint o un percorso che riproduca la corsa per cui si stanno allenando. È qui che un tapis roulant diventa cruciale. I corridori che vogliono includere la corsa in salita nei loro tempi dovrebbero impostare il loro ritmo un po’ più lento del normale, ma aggiungere una pendenza ad ogni segmento di tempo.

Un’altra alternativa è quella di aumentare la pendenza ogni cinque minuti per tutta la durata dell’allenamento. Per un allenamento di sprint in salita, si suggerisce di impostare il tapis roulant ad un’inclinazione dell’8%, correndo per 30 secondi a ritmo sostenuto e poi saltando giù dalla macchina per recuperare. Assicuratevi di sapere come salire e scendere in sicurezza da un tapis roulant in movimento prima di tentare questo.

Per concludere, provate a programmare alcune corse sul tapis roulant a novembre o dicembre, prima che si verifichi il clima invernale. In questo modo si evita che si verifichino dolori durante i periodi in cui si è costretti a correre all’interno per giorni interi. Considerate anche che le corse possono essere divise tra la corsa all’aperto e il tapis roulant. Se l’allenamento è in programma, fate il riscaldamento all’esterno. Oppure iniziate una corsa facile in strada, ma finite l’ultima metà sul tapis roulant. Potrebbe non essere la corsa più interessante o degna di Instagram, ma le vostre sessioni sul tapis roulant vi aiuteranno sicuramente a diventare un corridore migliore.

Leggi anche: Basta mal di schiena con la sedia da gaming